Care mamme e papà,

Settembre è ormai arrivato portando via con sé le vacanze estive e le lunghe giornate all’aperto. Un’altra avventura sta per iniziare: un nuovo anno scolastico dei vostri bambini.

E allora ecco il calendario di Tata Cristina dedicato al mese di Settembre:

09.settembre.da.completare

Ritagliate il calendario e chiedete ai vostri bambini di colorare le parti in bianco o di completarle con dei disegni. Alla fine il calendario di Settembre apparirà così:

09.settembre.completo

Ecco qui un nuovo disegno colorato da appendere nella cameretta dei bimbi in vista della ripresa della scuola.

Sapete che i primi libri di scuola risalgono ad almeno 3000 anni fa?

Sono stati trovati in alcuni scavi archeologici e pare risalgano ai Sumeri, il popolo che inventò le prime forme di scrittura. Già da allora nelle scuole si studiava la grammatica, la matematica, la storia, la geografia e la contabilità: l’istruzione, infatti, serviva a formare scribi e funzionari statali.

In Egitto circa 1000 anni dopo si aggiunse a queste materie la pratica sportiva e lo studio di una lingua straniera. Le lezioni si tenevano all’aperto e gli alunni sedevano su stuoie di paglia intrecciata e scrivevano su cocci di terracotta.

Presso i Persiani e nell’antica Sparta, invece, l’educazione dei ragazzi riguardava più il corpo che la mente: si praticava, infatti, la corsa, l’equitazione, il tiro con l’arco e il tiro con il giavellotto. Quando poi i ragazzi diventavano più grandi venivano affidati a degli uomini saggi, giusti e coraggiosi che insegnavano loro le principali virtù che un uomo deve avere. Lo scopo era formare degli uomini pronti alla guerra, ma anche dei buoni padri di famiglia.
Anche alle donne si insegnava la lotta, la ginnastica e la capacità di combattere, perché si credeva che delle donne forti avrebbero generato dei figli forti.

Presso gli Ebrei, l’educazione era prevalentemente di tipo religioso e serviva a formare i futuri sacerdoti.

Ad Atene, invece, lo scopo della scuola era formare gli alunni alle arti: si studiava la musica, la letteratura e a volte anche l’arte di parlare in pubblico, la politica e la matematica. I ragazzi andavano a scuola ed avevano un maestro, le ragazze, invece, imparavano a leggere e scrivere a casa, al chiuso del loro cortile.

La prima scuola pubblica nasce a Roma
circa nel 300 a.C.. Non esistevano però degli edifici scolastici e le lezioni si tenevano in semplici stanze oppure all’aperto. L’anno scolastico iniziava a marzo e si faceva una pausa per le vacanze estive. Le lezioni duravano tutta la giornata, ma si tornava a casa per il pranzo.

E’ solo nel Medioevo che la scuola inizia ad essere simile a quella che oggi conosciamo noi: nascono i tre livelli di scuola (elementare, media, superiore) e la scuola diventa accessibile a tutti, non soltanto ai figli delle famiglie più benestanti.

Ed eccoci giunti ai giorni d’oggi con la scuola pubblica, obbligatoria e aperta a tutti, bambini e bambine, ricchi e poveri.

L’istruzione è stata una vera e propria conquista per l’uomo avvenuta in secoli  e secoli di storia, ed è il modo attraverso cui la civiltà avanza. Ricordatelo sempre ai vostri bambini, soprattutto quando faranno i capricci per non andare a scuola!

Vi auguro uno splendido mese di Settembre e…W la scuola!

Tata Cristina

agosto 24, 2014

SETTEMBRE: LA SCUOLA RIPRENDE!

Care mamme e papà, Settembre è ormai arrivato portando via con sé le vacanze estive e le lunghe giornate all’aperto. Un’altra avventura sta per iniziare: un […]
maggio 28, 2014

IL MESE DI GIUGNO HA IL SOLE IN PUGNO

Care mamme e papà, siamo alle porte del  mese di Giugno, detto anche il Mese del Sole perché nel suo ventunesimo giorno la luce dura più […]
maggio 9, 2014

LA COLLECTION DELLA FESTA DELLA MAMMA

Cari bambini, la Festa della Mamma è l’occasione perfetta per ringraziare colei che vi ha dato la vita, che si prende cura di voi ogni giorno, […]
aprile 15, 2014

LA RICETTA ILLUSTRATA DELLA SCARCELLA PUGLIESE

Care mamme e papà, oggi ho preparato per voi qualcosa che non avete mai trovato prima d’ora sul mio blog: una ricetta golosa!   Siamo ormai […]